Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei propri servizi e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie informativa sulla privacy.

pon competenze

pon competenze

LOGO ritoccato 2 U 1

COLECCHI ritoccato 1 U2

fb iis

Incontro con lo chef Leonardo Lucarelli

lucarelli1L’Aquila 9 maggio2016 
Sabato 21 settembre presso l'I.I.S. "Da Vinci Colecchi" in via Monte San Rocco n.15 lo chef Leonardo Lucarelli ha incontrato una rappresentanza delle studentesse e degli studenti dell'indirizzo Enogastronomia per presentare il suo romanzo "Carne Trita. L'educazione di un cuoco". Il libro, definito il miglior romanzo italiano da Antonio D'Orrico del "Corriere Della Sera", è già alla sua seconda edizione e narra in prima persona la storia dell'autore tra trattorie e ristoranti stellati, sale e cucine, tra personaggi dubbi, lavoro nero e carriere folgoranti.

È la storia, insomma, di "uno che continua a lavorare in cucina perché i cuochi sono come il quinto quarto, quell'ossimoro di macelleria che significa scarto e inesistenza ... È facile vivere da filetto ... Solo un artista sa vivere da trippa...". Leonardo Lucarelli ha guidato un pubblico attento, vivace e partecipativo tra le pagine di un libro diverso da quelli che fino ad oggi hanno raccontato il mondo delle cucine, dei ristoranti stellati e dei cuochi. Le domande degli alunni e dei docenti hanno costruito un dialogo tra le considerazioni pratiche di professionisti e futuri professionisti del settore e la narrazione pura e semplice di una biografia avventurosa, divertente e mai sopra le righe. Si è parlato di lavoro nero e meritocrazia in un ambiente di lavoro che non fa sconti ed è pronto a darti soddisfazioni ma non a regalartele. "Uno continua a lavorare in cucina perché sapere usare i coltelli torna utile quando le giornate sembrano saldarsi le une alle altre in un pezzo pericoloso." Leggendo e raccontando all'I.I.S. "Da Vinci Colecchi" , mentre i libri passavano di mano in mano. Perché le ricette, anche le più semplici e banali, bisogna saperle raccontare, come per i fatti della vita. Perché accadano ed abbiano senso.

 

lucarelli

lucarelli1

 

 

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter